IATA: a gennaio 2018 il traffico cresce ma la domanda rallenta


La IATA International Air Transport Association ha reso noto oggi i suoi dati di traffico globali relativi al mese di gennaio. Nel dettaglio la IATA rileva che a gennaio 2018 il traffico – misurato come RPK,revenue passenger kilometers cioè il numero di passeggeri paganti trasportati moltiplicato per il numero di km volati – sia salito del 4,6% rispetto a gennaio 2017. Un rallentamento della domanda rispetto alla tendenza alla crescita registrata negli ultimi quattro anni che secondo la IATA si può attribuire a diversi fattori temporanei, sia legati al fatto che tra fine 2016 e inizio 2017 vi fosse una forte tendenza al rialzo del traffico, sia perché il Capodanno Cinese – e il relativo traffico che da esso deriva – nel 2018 è caduto nel mese di febbraio.
Basti pensare che, secondo le stime della IATA, l’impatto del ritardo del Capodanno Cinese sul traffico rappresenterebbe circa i 2/5 del rallentamento della domanda del mese di gennaio.
A gennaio l’offerta – misurata in ASK, available seat kilometers, cioè il totale dei posti offerti per ogni volo moltiplicato per il numero dei chilometri volati-  è salito del 5,3%. Il load factor medio è sceso di mezzo punto percentuale attestandosi al 79,6%.
“Nonostante una partenza più lenta, la congiuntura economica sta supportando la crescita della domanda per il 2018. Ciò detto, le preoccupazioni circa una possibile guerra commerciale con gli USA potrebbe avere un serio effetto di smorzamento sulla fiducia del mercato globale, riversandosi nella domanda per i viaggi aerei,” ha detto Alexandre de Juniac, CEO e direttore generale della IATA.

 

Gennaio 2018
(% anno su anno)
Quota di mercato RPK ASK Load Factor
(differenza)          
Load Factor
(valore %)
Totale del mercato 100,0% 4,6% 5,3%  -0,5% 79,6%

Africa

2,2% 2,8% 2,4% 0,2% 70,3%

Asia Orientale

33,7% 5,4% 6,6% -0,9% 80,6%

Europa

26,5% 6,4% 5,1% 0,9% 80,0%

America Latina

5,2% 5,0% 5,0% -0,1% 83,2%

Medio Oriente

9,5% 0,8% 4,5% -2,8% 76,6%

Nord America

23,0% 3,5% 4,2% -0,5% 79,3%

 

 

Redattore: Carlo Dedoni

Fonte della notizia: Ufficio Stampa IATA