Viterbo: Aviazione dell’Esercito e Vigili del Fuoco si addestrano per ottimizzare i tempi d’intervento


​Nell’ambito della Kinetic Week 1-2019 che ha coinvolto l’Aviazione dell’Esercito nell’addestramento degli equipaggi fissi e ausiliari di volo per l’impiego operativo in territorio nazionale e internazionale, si è svolta nei giorni scorsi anche un’esercitazione congiunta tra il 1° Reggimento Aviazione dell’Esercito “Antares” e il Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Viterbo. Quest’ultima ha avuto lo scopo di condividere e standardizzare le specifiche procedure al fine di ridurre i tempi di intervento durante le diverse tipologie di emergenza, in soccorso alla popolazione civile.
In particolare, l’attività di questa mattina ha previsto la simulazione di un evento sismico, coinvolgendo una squadra di Vigili del Fuoco, munita di fuoristrada e dotata di attrezzatura specialistica, che è stata elitrasportata su un elicottero CH-47F dell’Aviazione dell’Esercito verso il luogo dell’emergenza.
Gli elicotteri A-129 hanno quindi perlustrato la zona alla ricerca di eventuale personale disperso. A seguire, un secondo elicottero CH-47 F ha infiltrato, tramite fast-rope, un plotone di fanteria aeromobile, allo scopo di effettuare una cinturazione di sicurezza lungo la zona interessata. Atterrata sul posto, la squadra dei Vigili del Fuoco ha attraversato il fiume Mignone a bordo di un battello pneumatico per recuperare due feriti, uno dei quali non deambulante. Quest’ultimo, dopo un primo soccorso operato da una squadra Forward Medevac, composta da personale dell’Esercito specializzato nell’evacuazione medica avanzata, è stato esfiltrato da un elicottero AB.205 per il ricovero nel più vicino ospedale.
Frutto di un accordo, siglato lo scorso 14 novembre, tra il 1° Reggimento dell’Aviazione dell’Esercito “Antares” e il Comando dei Vigili del Fuoco di Viterbo, l’attività ha avuto l’obiettivo di studiare e sperimentare un possibile dispositivo di soccorso integrato per il trasporto di uomini, mezzi e attrezzature dei Vigili del Fuoco su scenari emergenziali di particolare gravità, mediante gli aeromobili in dotazione all’Aviazione dell’Esercito.
Le parole di apprezzamento espresse al termine dell’attività dal Comandante dell’Aviazione dell’Esercito, Generale di Brigata Paolo Riccò, hanno evidenziato come le procedure condivise e un perfetto sincronismo di intervento tra le diverse forze di soccorso nell’impiego di mezzi possano garantire una maggiore efficacia e dimostrarsi una risorsa fondamentale al servizio del paese.

 

 

 

Redattore: Carlo Dedoni

Fonte della notizia e foto di copertina: Ufficio Stampa Esercito Italiano