Aeroporto di Pantelleria il servizio meteo passa da AM a ENAV


Da ieri, giovedì 28 marzo, nell’ambito del Piano di Transito degli aeroporti militari all’aviazione civile, coordinato dall’ENAC in qualità di autorità per l’aviazione civile, ENAV, è subentrata nella fornitura del servizio meteorologico sull’Aeroporto di Pantelleria, finora erogato dall’Aeronautica Militare.
Il transito è stato concordato da un apposito tavolo tecnico tra ENAC, la forza armata ed ENAV a seguito del cambio di status dell’aeroporto siciliano da militare a civile avvenuto nel 2016. Le modalità e le tempistiche che hanno portato a questo risultato sono state coordinate dall’ENAC attraverso la stesura di un apposito Piano Operativo condiviso e sottoscritto da Aeronautica Militare, ENAV e ENAC e con il contributo dell’Amministrazione Difesa per tutti gli aspetti logistico-demaniali.
Tutte le attività si sono concluse con la firma delle necessarie convenzioni a cura delle amministrazioni coinvolte, confermando l’elevato livello di cooperazione dei diversi attori, sia nel settore civile, sia in quello militare.
Il passaggio del servizio meteo è avvenuto in piena sicurezza e senza soluzione di continuità, in modo da non generare alcuna ripercussione sul traffico aereo dello scalo aeroportuale, grazie anche a un’attività di addestramento del personale meteo di ENAV, a cui ha contribuito l’Aeronautica Militare, svolta nei mesi scorsi.
Il transito del servizio meteo di Pantelleria rientra nell’ambito delle attività di riorganizzazione che la forza armata sta mettendo in atto negli anni volte all’ottimizzazione delle risorse a disposizione. Si tratta del settimo avvicendamento nella fornitura del servizio meteorologico in poco più di cinque anni dopo gli aeroporti di Ciampino, Verona, Treviso, Brindisi, Rimini e Cagliari.

 

 

 

Redattore: Carlo Dedoni

Fonte della notizia: Ufficio di Pubblica Informazione Aeronautica Militare
Foto di copertina di Salvatore Cossu