Airbus: crescono gli ordini per l’elicottero ACH160 per il mercato business


Airbus Corporate Helicopters (ACH) ha confermato di avere siglato un nuovo accordo di vendita per il suo elicottero più recente, l’ACH160. Il nuovo ordine, da parte di un operatore professionale del Regno Unito, porta il portafoglio ordini dell’ACH160 a 11 velivoli, di cui quattro destinati al mercato del Regno Unito.
Altri due ACH160 infatti sono stati ordinati da una società britannica, che è già un utente di elicotteri d’affari Airbus, mentre un quarto velivolo è stato ordinato da un cliente privato britannico di Airbus Helicopters VIP, e sarà gestito da Luviair con sede nell’Isola di Man.
Il programma di elicotteri medi H160 è in attesa della certificazione alla fine del 2019, cui seguiranno le le prime consegne da parte di ACH circa un anno dopo.
Dopo aver registrato 54 vendite nel 2017, in seguito al lancio avvenuto durante l’EBACE nel maggio dello stesso anno, nel 2018  ACH ha registrato 68 ordini.
“Rispecchiando il marchio consociato Airbus Corporate Jets (ACJ), ACH offre un’esperienza esclusiva di ownership end-to-end a partire dalla richiesta e dall’ordine, poi attraverso il supporto in-service, fino alle opportunità di rivendita migliorate.” Spiega un comunicato del costruttore. “ACH offre i più elevati standard in termini di sicurezza, tecnologia, artigianalità e assistenza ed è supportata da HCareFirst, un servizio di supporto premium dedicato specificatamente alle esigenze degli operatori che tipicamente effettuano poche ore di volo, ma che richiedono la disponibilità di velivoli senza preoccupazioni quando necessario.”
La gamma completa di elicotteri ACH comprende i modelli ACH125, ACH130, ACH135, e le nuove varianti di ACH145, ACH160 e ACH175, che fanno parte della famiglia di modelli leggeri e medi di Airbus Helicopters, una gamma completa e leader di mercato. Una linea di complementi dal design premium, che comprende soluzioni su misura, è inoltre disponibile per tutti i modelli.

 

 

 

Redattore: Elisabetta Puggioni

Fonte della notizia: Ufficio Stampa Airbus

Foto di copertina Airbus – Lloyd Horgan