Droni e realtà aumentata per la manutenzione dei velivoli: accordo tra Airbus e aeronautica spagnola


L’aeronautica militare spagnola è la prima forza aerea al mondo a supportare lo sviluppo del drone Airbus e dei servizi ispettivi di manutenzione basati sulla realtà aumentata, con l’obiettivo di ridurre significativamente le ispezioni per la manutenzione degli aeromobili militari di grandi dimensioni e aumentare la disponibilità generale della flotta.
Queste tecnologie digitali innovative saranno sperimentate inizialmente sugli aeromobili A400M dell’aeronautica militare spagnola situati presso la base di Saragozza (Ala 31), con la possibilità di estendere queste tecnologie anche ad altri aeromobili, tra cui il C295 e il CN235.
La tecnologia è basata su droni dotati di sensori e telecamere ad alta definizione per scansionare, in poche ore anziché giorni, l’esterno di un aeromobile sottoposto a un controllo di manutenzione. Una connessione protetta permette poi di visualizzare dati e informazioni su tablet e occhiali per la realtà aumentata, consentendo al personale di identificare ed eseguire rapidamente le procedure di manutenzione e le azioni correttive, assicurando nel contempo la trascrizione sul registro di manutenzione di tutte le procedure di ispezione e delle attività di manutenzione eseguite. Questa tecnologia non solo riduce i tempi di ispezione della manutenzione, ma supporta anche il rilevamento precoce dei problemi e contribuisce a garantire la qualità e l’aeronavigabilità post-manutenzione.
I test con gli A400M dell’Aeronautica militare spagnola consentiranno ad Airbus di utilizzare i dati effettivi dell’utente, non soltanto per perfezionare gli algoritmi per il volo autonomo sicuro dei droni intorno a un aeromobile, evitando così l’uso di impalcature e di pesanti apparecchiature mobili che rischiano di danneggiarlo, ma anche per elaborare i terabyte di immagini e dati come una libreria di deep learning, che consente di sviluppare un solido sistema di rilevamento delle criticità basato sull’Intelligenza Artificiale.
Attraverso il portafoglio SmartForce, Airbus sviluppa costantemente nuove tecnologie e servizi innovativi per aiutare i clienti del settore della difesa nel valutare, prevedere e anticipare le esigenze delle loro flotte, grazie all’analisi dei big data unita alla connettività protetta, al fine di garantire la massima prontezza alla missione.

 

 

 

Redattore: Carlo Dedoni

Fonte della notizia: Ufficio Stampa Airbus

Foto di copertina ©Airbus