Future Combat Air System: Airbus e Dassault presentano una proposta industriale


Dassault Aviation e Airbus SE hanno presentato una proposta industriale congiunta ai governi di Francia e Germania per la prima fase dimostrativa del programma del sistema di combattimento aereo del futuro, noto come Future Combat Air System (FCAS). La nuova importante tappa del programma è stata mostrata attraverso la presentazione al pubblico dei modelli New Generation Fighter e Remote Carriers, nel giorno dell’inaugurazione del Salone dell’Aviazione di Le Bourget. La presentazione dei modelli da parte di Eric Trappier, Presidente e Chief Executive Officer (CEO) di Dassault Aviation e Dirk Hoke, CEO di Airbus Defense and Space, ha visto la presenza del Presidente della Repubblica francese Emmanuel Macron e del Ministro francese delle Forze armate Florence Parly, insieme al Ministro federale della Difesa tedesco Ursula von der Leyen e al Ministro della Difesa spagnolo Margarita Robles.
Questa fase dimostrativa coprirà il periodo compreso tra il 2019 e la metà del 2021 e servirà come punto di partenza per lo sviluppo dei dimostratori e delle tecnologie di un caccia di ultima generazione (New Generation Fighter – NGF), del supporto di droni (Remote Carrier – RC) ed un Air Combat Cloud (ACC), in vista del volo inaugurale previsto per il 2026.
I vari accordi di collaborazione, inclusi quelli con MBDA Systems e Thales, definiscono l’ambito di pianificazione di questa fase di dimostrazione iniziale, le modalità di lavoro e gli accordi commerciali. Inoltre, all’interno dell’accordo di collaborazione, è stato stabilito un quadro trasparente ed equo per il trattamento dei diritti di proprietà intellettuale. In parallelo, Safran e MTU sono incaricati di sviluppare un nuovo motore.
I governi di Francia e Germania inoltre hanno accolto ufficialmente la Spagna come nazione partner nel programma Future Combat Air System. Con questo l’accordo, annunciato dalle ministre francesi e tedesca, Florence Parly e Ursula von der Leyen, e dalla loro omologa spagnola Margarita Robles, le tre nazioni fondatrici di Airbus ora costituiscono il nucleo dell’importante programma europeo per lo sviluppo di un sistema d’arma aerea di sesta generazione.

 

 

 

Redattore: Carlo Dedoni

Fonte della notizia: Ufficio Stampa Airbus
Foto di copertina di Carlo Dedoni