Volotea rinnova la certificazione IOSA fino al 2021

Volotea ha rinnovato, fino alla primavera 2021, la certificazione qualitativa IOSA (IATA Operational Safety Audit) rilasciata dalla IATA (International Air Transport Association).
Il programma IOSA ha come obiettivo quello di valutare i sistemi di gestione e gli standard di controllo operativo delle compagnie aeree, attraverso la conformità a circa 940 tra requisiti e procedure.
Creato nel 2001, il programma IOSA, oltre a verificare lo standard dell’operatività di volo, valuta anche la qualità delle operazioni di carico e quelle di cabina. IOSA è considerato uno standard globale, la cui riconoscibilità va ben oltre le applicazioni IATA.
“Volotea rinnova, così, la certificazione IATA nel suo settimo anno di attività, anno in cui è stata anche inaugurata a Cagliari la tredicesima base della compagnia.” Spiega una nota della compagnia aerea spagnola. “Durante il 2019, il vettore ha raggiunto i 25 milioni di passeggeri e ha aperto 41 nuove rotte, volando in 13 Paesi. Infine, quest‘estate, Volotea ha aggiunto sei Airbus A319 alla sua flotta, portando così a un totale di 36 gli aeromobili che operano le sue 319 rotte.”
Lázaro Ros, direttore generale e co-fondatore di Volotea, ha commentato: “La sicurezza dei nostri passeggeri e dei nostri equipaggi è una priorità assoluta e siamo davvero orgogliosi che la certificazione IOSA e l’endorsement IATA lo riconoscano. Allo stesso tempo, questo rinnovo è un riconoscimento del lavoro e della professionalità del team operation Volotea.”

 

 

Redattore: Carlo Dedoni

Fonte della notizia: Ufficio Stampa Volotea
Foto di copertina di Carlo Dedoni
Approfondimento: IOSA (IATA Operational Safety Audit)