Continua senza soste l’operatività dell’AM al servizio del paese


Giornata intensa quella di ieri, 16 agosto, per gli equipaggi in prontezza d’allarme dell’Aeronautica Militare. Tutti i servizi di allarme H24, infatti, sono stati attivati per la sicurezza ed il soccorso della popolazione civile.
Alle prime luci dell’alba un velivolo Falcon 900 del 31° Stormo di Ciampino ha effettuato, su richiesta della Prefettura di Udine, il trasporto urgente di un organo dall’ospedale di Torino a quello di Udine.
Nel corso della giornata due caccia intercettori Eurofighter Typhoon del 36° Stormo di Gioia del Colle si sono alzati rapidamente in volo (in gergo tecnico scramble) a seguito dell’attivazione da parte del CAOC della NATO di Torrejon per intercettare ed individuare due velivoli di linea, su due rotte distinte, che avevano temporaneamente perso il contatto radio con gli enti del controllo del traffico aereo. Ripristinate prontamente le comunicazioni radio i due velivoli caccia intercettori hanno fatto rientro in base per riprendere nuovamente il servizio di prontezza di allarme di Difesa Aerea sia nazionale che NATO.
Nel tardo pomeriggio un elicottero HH139A dell’82° Centro Combat Search & Rescue (C/SAR) di Trapani, dipendente dal 15° Stormo di Cervia, è stato attivato nel tardo pomeriggio di oggi per la ricerca ed il soccorso di una giovane ragazza colta da un improvviso malore mentre si trovava all’interno della riserva naturalistica dello Zingaro. L’equipaggio militare, attivato dal Comando Operazioni Aeree dell’Aeronautica Militare, è decollato dall’aeroporto militare di Trapani alla volta della riserva operando in stretta sinergia con il Corpo Nazionale Speleologico e del Soccorso Alpino. Una volta individuata, la giovane è stata soccorsa e recuperata a bordo dell’elicottero grazie all’ausilio del verricello.
Infine un velivolo militare da trasporto C-130J della 46^ Brigata Aerea di Pisa è stato attivato a seguito della richiesta della Prefettura di Cosenza per il trasporto di una ambulanza con a bordo una bambina di 18 mesi in imminente pericolo di vita. Il particolare trasporto si è reso necessario per trasferire la piccola paziente da Lamezia Terme a Torino.
Tutte le attività sono state coordinate dal Comando Operazioni Aeree di Poggio Renatico e dalla Sala Situazioni di Vertice del Comando Squadra Aerea di Roma, i due principali centri operativi dell’Aeronautica Militare che, con i desk dedicati e specifici per ogni settore d’impiego, coordinano ed attivano tutti gli assetti e gli equipaggi in prontezza operativa della forza armata su tutto il territorio nazionale.
“Le attività svolte nella giornata,” spiega un comunicato dell’arma azzurra, “sono la sintesi delle peculiari attività che l’Aeronautica Militare svolge 365 giorni all’anno, sette giorni a settimana, 24 ore su 24 al servizio per la sicurezza ed il soccorso del cittadino, per cui ogni giorno dell’anno gli equipaggi della forza armata si addestrano per essere sempre pronti ad intervenire con tempestività ed efficacia.”

 

 

 

Redattore: Carlo Dedoni

Fonte della notizia: Ufficio di Pubblica Informazione Aeronautica Militare
Foto di copertina di Carlo Dedoni