L’Italia rischiera gli F-35 in Islanda per la missione di Air Policing NATO

L’Aeronautica Militare rischiererà ad ottobre sei dei suoi caccia F-35A in Islanda nell’ambito della missione di Air Policing della NATO per la difesa dello spazio aereo islandese. La missione in Islanda avrà una durata di tre settimane. L’Italia è dunque il primo paese alleato a rischierare i caccia di quinta generazione in una missione dell’Alleanza Atlantica.
Sotto il coordinamento del Combined Air Operations Centre (CAOC) di Uedem, in Germania, la task force italiana in Islanda sarà operativa dalla base aerea della Guardia Costiera Islandese (Landhelgisgæsla Íslands) di Keflavik.
Si tratta della quinta volta, la seconda nel 2019, che l’Italia prende parte a questa missione di Air Policing della NATO.

 

 

 

Redattore: Elisabetta Puggioni

Fonte della notizia: Ufficio Stampa NATO
Foto di copertina di Corrado Carta
Approfondimento: F-35A