L’Aeroporto di Torino si impegna alle emissioni zero entro il 2050

In occasione del vertice ONU sull’azione globale per il clima svoltosi a New York, l’associazione degli aeroporti europei, ACI Europe ha fornito un aggiornamento sulla risposta del settore all’emergenza climatica.
Nel giugno di quest’anno, ACI Europe ha annunciato una risoluzione storica che impegnava i suoi 500 membri a raggiungere l’azzeramento entro il 2050 per le emissioni di carbonio sotto il loro controllo. Ad oggi, tale impegno è stato sottoscritto da oltre 200 aeroporti, tra i quali anche Torino Airport.
“L’Aeroporto di Torino è orgoglioso di sottoscrivere questo impegno,” ha dichiarato Andrea Andorno, Chief Executive Officer di Torino Airport. “Nel corso degli anni abbiamo investito in modo significativo nella gestione ambientale. Lavoriamo per ridurre le nostre emissioni di carbonio dal 2012 e siamo certificati al Livello 1-Mapping del programma Airport Carbon Accreditation. Ma è ora di fare un passo avanti. Prendiamo atto del recente rapporto IPCC e del cambiamento nella percezione pubblica del trasporto aereo. Le persone chiedono più atti concreti anche alle imprese e noi siamo desiderosi di soddisfare questa esigenza. NetZero2050 è un impegno serio e siamo fiduciosi che attraverso la ricerca e gli investimenti, lo scambio di conoscenze e le partnership, saremo in grado di identificare le migliori soluzioni per raggiungere le ‘emissioni zero’ nelle nostre operazioni aeroportuali.”
Olivier Jankovec, Direttore Generale di ACI Europe, ha commentato: “L’impegno di NetZero2050 si basa su una forte riduzione del carbonio da parte del settore aeroportuale europeo, che è stato ben documentato nell’ultimo decennio. Siamo lieti di aver superato la quota dei 200 aeroporti impegnati a raggiungere questo obiettivo. Molte grazie agli scali che sono saliti a bordo negli ultimi 3 mesi: Torino, Aberdeen, Glasgow, Liegi, Lussemburgo, Malta, Salisburgo, Southampton e Tolosa-Blagnac. Ci aspettiamo che ancora altri si uniranno a noi nei prossimi mesi”.
Patricia Espinosa, segretario esecutivo dell’UNFCCC, ha dichiarato: “Il rapporto speciale IPCC dello scorso ottobre è inequivocabile sulla necessità di raggiungere le emissioni zero entro la metà del secolo. Abbiamo bisogno che tutti i settori della società lavorino per raggiungere questo obiettivo finale. È quindi incoraggiante vedere l’industria aeroportuale alzare volontariamente le proprie ambizioni e non vediamo l’ora di lavorare con questo settore vitale”.
La scadenza del 2050 è in linea con le ultime prove dell’IPCC e la strategia di decarbonizzazione definita dalla Commissione europea e adottata dal Consiglio dell’Unione europea.
Nel 2017, l’industria aeroportuale europea si è impegnata ad avere 100 aeroporti carbon neutral entro il 2030. Con 50 aeroporti europei ora carbon neutral, l’industria è sulla buona strada per mantenere questa promessa. La risoluzione rimane aperta a firmatari aggiuntivi.

 

 

 

Redattore: Carlo Dedoni

Fonte della notizia: Ufficio Stampa Torino Airport
Foto di copertina di Salvatore Cossu