Volotea presenta la sua nuova base di Napoli e lancia un nuovo volo

Volotea ha annunciato di aver scelto l’Aeroporto di Napoli Capodichino come sua sesta base italiana: come annunciato di recente (vedi articolo), dal 2020 il vettore allocherà presso lo scalo campano due Airbus A319 e lancerà un nuovo collegamento esclusivo alla volta di Alicante (due frequenze settimanali a partire da aprile 2020). Salgono così a 22 le rotte disponibili dallo scalo, 11 delle quali operate in esclusiva, per un’offerta totale di 1.000.000 di biglietti in vendita per il prossimo anno, 150.000 in più rispetto al 2019. Sono circa i 60 nuovi posti di lavoro legati all’apertura della nuova base.
“L’apertura della nuova base è legata alle eccellenti performance del vettore a Napoli che, recentemente, ha sorpassato i 2.500.000 passeggeri trasportati a livello locale.” Spiega un comunicato della low cost spagnola. “Da gennaio a settembre 2019, la low cost ha operato a Napoli circa 5.300 voli (+17% vs 2018), raggiungendo un load factor del 94%. Nello stesso periodo, inoltre, 672.000 passeggeri sono transitati da Napoli a bordo della flotta Volotea, (+21% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente).”
Carlos Muñoz, presidente e fondatore di Volotea, ha così commentato l’apertura della nuova base: “Siamo molto orgogliosi di aprire la nostra nuova base a Napoli, una città che ci ha accompagnato nel nostro percorso di crescita, riservandoci un’accoglienza davvero calorosa. Allocheremo presso lo scalo due aeromobili A319, configurati con 156 posti. I due aerei garantiranno una migliore connettività, grazie a collegamenti con orari ancora più comodi, per volare verso 22 destinazioni in Italia e all’estero. Inoltre, presso lo scalo, concretizzeremo numerose posizioni lavorative. Crediamo fermamente nelle potenzialità del territorio e nella partnership di successo instaurata con l’Aeroporto di Napoli. A nome di tutta Volotea vorrei ringraziare le autorità locali e il management GESAC che ci hanno accompagnato in questo percorso di crescita e i passeggeri che hanno scelto di volare a bordo della nostra flotta a livello internazionale, oltre 2,5 milioni dei quali sono transitati da Napoli, ora nostro primo aeroporto in Italia.”
Roberto Barbieri, Amministratore Delegato di GESAC, ha aggiunto: “Passeggeri, ambiente e territorio sono le linee guida della nostra strategia, fondata sulla consapevolezza del ruolo cruciale svolto dall’aeroporto nell’ambito della filiera turistica. L’apertura della base Volotea a Napoli è un’operazione strategica che risponde ai nostri principali obiettivi: migliorare la connettività, tutelare l’ambiente e generare sviluppo, grazie ad un numero stabile di destinazioni in fasce orarie più comode, minore impatto ambientale e nuovi posti di lavoro.”
Napoli si aggiungerà, dall’anno prossimo, alle basi già operative del vettore in Italia: Venezia, Verona, Palermo, Genova e Cagliari.
Nei prossimi mesi verranno avviate sessioni di recruitment a livello locale per individuare 60 professionisti tra piloti e personale di bordo, a cui si aggiungerà un Base Manager per tutte le attività di coordinamento.

 

 

 

Redattore: Carlo Dedoni

Fonte della notizia: Ufficio Stampa Volotea
Foto di copertina di Carlo Dedoni