Delta ritirerà i Boeing 777 entro la fine dell’anno

Delta Air Lines prevede di ritirare i suoi 18 velivoli widebody Boeing 777 entro la fine del 2020 a causa della crisi generata dalla pandemia di COVID-19. Il ritiro degli aeromobili accelererà la strategia della compagnia aerea per semplificare e modernizzare la sua flotta, continuando a operare aeromobili più nuovi ed economici.
“Stiamo apportando modifiche strategiche ed economiche alla nostra flotta per rispondere all’impatto della pandemia di COVID-19 assicurando nel contempo che Delta sia ben posizionata per il recupero nel post crisi”, ha affermato Gil West, Chief Delta Responsabile operativo. “Il 777 è stata una parte affidabile del successo di Delta da quando è entrato a far parte della flotta nel 1999 e, grazie alle sue caratteristiche operative uniche, ha aperto nuovi mercati non-stop e di ultra-lungo raggio che allora solo questo aereo poteva volare.”
Il mese scorso, Delta ha annunciato l’intenzione di accelerare il ritiro delle flotte MD-88 e MD-90 a giugno (vedi articolo). Dall’inizio della situazione COVID-19, Delta ha reagito rapidamente fermando gli aeromobili e prendendo in considerazione il ritiro anticipato degli aerei per ridurre la complessità operativa e i costi. Ad oggi, la compagnia aerea ha fermato più di 650 aeromobili mainline e regional per adeguare la capacità alla ridotta domanda ridotta del mercato.
Il velivolo Boeing 777-200 è entrato per la prima volta nella flotta nel 1999 e negli anni Delta ne ha operato fino a 18 esemplari, tra cui 10 della variante a lungo raggio 777-200LR, che è arrivata nel 2008. All’epoca, l’aeromobile era posizionato in modo univoco per volare senza sosta tra Atlanta e Johannesburg e tra Los Angeles a Sydney e altre destinazioni molto distanti.
Delta continuerà a far volare la sua flotta di Airbus A350-900 di nuova generazione a lungo raggio, che consumano il 21% in meno di carburante per posto rispetto ai 777 che stanno andando a sostituire.
Nonostante la riduzione dei viaggi internazionali di passeggeri, durante la pandemia la flotta di 777 è stata il cavallo di battaglia delle operazioni di trasporto merci, posta e di rimpatrio dei cittadini statunitensi. Dalla fine di aprile, i jet widebody della compagnia statunitense hanno effettuato decine di viaggi da Chicago e Los Angeles a Francoforte per consegnare posta alle truppe militari statunitensi all’estero; operato tra gli Stati Uniti e l’Asia per fornire tonnellate di forniture critiche e salvavita per aiutare nella risposta COVID-19; e ha trasportato migliaia di cittadini statunitensi negli Stati Uniti da Sydney, Mumbai, Manila e altre città del mondo.
Dettagli più specifici sulla tempistica dell’uscita del 777 dalla flotta saranno resi noti in un secondo momento.

 

 

 

Redattore: Carlo Dedoni

Fonte della notizia e foto di copertina: Ufficio Stampa Delta Air Lines