ACI World e IATA chiedono che i governi sostengano i costi delle misure di sanità pubblica

ACI World e IATA esortano i governi a sostenere i costi relativi all’adozione di misure di sanità pubblica volte a mitigare la diffusione delle malattie trasmissibili.
“L’effetto della pandemia di COVID-19 sull’industria e sull’economia in generale ha bloccato l’aviazione a livello globale, causando perdite per miliardi nelle entrate e nel traffico.” Spiega un comunicato congiunto delle due organizzazioni.  “Man mano che l’industria inizia a riavviarsi e pianifica una ripresa a lungo termine e sostenuta, la salute e la sicurezza dei passeggeri e del personale rimangono la priorità principale per aeroporti e compagnie aeree.”
L’ICAO, attraverso la task force CART per la ripartenza del trasporto aereo, ha deciso di collaborare con gli stati membri, le organizzazioni internazionali e regionali e l’industria per affrontare le sfide e fornire una guida globale per la sicurezza e il riavvio e il recupero sostenibili del settore dell’aviazione, e con la guida TakeOff delinea una serie di nuove misure per la tutela della salute pubblica, che sono già state introdotte da aeroporti e compagnie aeree in tutto il mondo.
Per garantirne l’efficacia, queste misure, che comprendono controlli sanitari, sanificazione e distanziamento sociale, richiederanno l’attuazione da parte delle autorità nazionali competenti.
ACI e IATA ritengono che i ruoli e le specifiche responsabilità esistenti di governi, compagnie aeree, aeroporti e altre parti interessate nelle operazioni debbano essere rispettati nell’attuare una risposta efficace all’epidemia di COVID-19. Secondo le due organizzazioni le compagnie aeree e gli operatori aeroportuali dovrebbero essere inclusi nelle discussioni nazionali per valutare gli aspetti pratici dell’attuazione delle soluzioni proposte dall’ICAO volte all’armonizzazione tra le giurisdizioni. Secondo ACI e ICAO infatti un mosaico di diversi quadri rischia di confondere i viaggiatori, introducendo inefficienze e costi di conformità aggiuntivi non necessari per passeggeri, aeroporti e compagnie aeree.
“In effetti, i regolamenti sanitari internazionali dell’Organizzazione Mondiale della Sanità impongono ai governi di pagare i costi delle misure sanitarie.” Sottolineano le due organizzazioni.
“Mentre le operazioni aeroportuali e aeree iniziano a riprendersi lentamente, la salute e la sicurezza dei passeggeri e del personale sono fondamentali e molte nuove misure sanitarie vengono prese in considerazione dai governi per l’implementazione negli aeroporti”, ha dichiarato il direttore di ACI World, Luis Felipe de Oliveira. “Mentre l’industria esplora le complessità delle operazioni di riavvio, ACI ritiene che il costo di tutte le misure sanitarie richieste dovrebbe essere sostenuto dai governi. ACI e IATA sono allineate su questo problema, come indicato nel documento Safely Restarting Aviation — ACI and IATA Joint Approach che è stato il nostro contributo alla guida TakeOff dell’ICAO. Ciò ha stabilito che il finanziamento pubblico delle misure sanitarie dovrebbe essere garantito, incluso ma non limitato alle infrastrutture o ai cambiamenti operativi necessari per la loro attuazione.”
Il direttore generale e CEO della IATA, Alexandre de Juniac, ha dichiarato: “L’industria aeronautica vuole rilanciare il mondo. Abbiamo collaborato con successo con l’ICAO e molti governi di tutto il mondo per mettere in atto protocolli standardizzati che salvaguardino la salute pubblica e diano ai viaggiatori la fiducia per tornare sui cieli. Ma l’industria è ancora sull’orlo di un precipizio finanziario. I costi aggiuntivi delle misure sanitarie imposte dai governi devono – come raccomandato dall’OMS – essere sostenuti dai governi. Ciò consentirà all’industria di concentrare le scarse risorse sulla riconnessione del mondo e favorire la ripresa economica.”

 

 

 

Redattore: Carlo Dedoni

Fonte della notizia: Ufficio Stampa ACI World, Ufficio Stampa IATA
Foto di copertina di Carlo Dedoni