Ryanair: durante il lockdown avviato un piano straordinario di manutenzione della flotta

Il lockdown dovuto all’emergenza COVID-19 ha rappresentato una sfida senza precedenti per il team di ingegneri e tecnici di Ryanair guidati da Karsten Muehlenfeld, direttore dell’area tecnica del gruppo, che ha dovuto elaborare un piano straordinario per la manutenzione della flotta di 460 Boeing 737 e 20 Airbus 320.
In condizioni normali, Ryanair opera oltre 2.500 voli al giorno e gli ingegneri ispezionano gli aeromobili durante la notte, prima che inizino il servizio. Tuttavia, le restrizioni in tutta l’Unione Europea hanno determinato complicazioni per il team di ingegneri: un aereo passeggeri non può essere lasciato inattivo per 3 mesi; i suoi sistemi meccanici e operativi devono essere controllati regolarmente. Per la manutenzione della flotta, il team di ingegneri Ryanair ha effettuato ispezioni visive ogni due giorni e voli di prova sugli aeromobili ogni due settimane, assicurandosi che tutti i sistemi funzionassero secondo i più alti standard.
Con definitivo ritorno di Ryanair alle operazioni il 1 luglio, un’altra priorità è stata quella di garantire la migliore qualità dell’aria nelle cabine degli aeromobili grazie ai filtri HEPA (sistemi di filtrazione dell’aria ad elevata efficienza) presenti su tutti gli aeromobili Ryanair. I filtri HEPA infatti sono progettati per rimuovere oltre il 99% dei microbi presenti nell’aria dalla cabina, comprese le goccioline SARs-CoV-2, e per pulire costantemente l’aria a bordo. Di conseguenza, l’aria nella cabina è paragonabile all’ambiente sterile di una sala operatoria dell’ospedale.
Gli aeromobili del Ryanair, inoltre, vengono accuratamente puliti ogni giorno con una soluzione che assicura che batteri e virus come il COVID-19 non possano sopravvivere su alcuna superficie di sedili e compartimenti dell’aeromobile/cappelliere. Il disinfettante utilizzato è efficace per più di 24 ore.
“Il team di ingegneri Ryanair lavora 24 ore su 24 per garantire la salute e la sicurezza dei passeggeri e dell’equipaggio a bordo di tutti i voli Ryanair e, grazie alla loro dedizione durante il lockdown, la flotta di Ryanair è tornata a volare ai massimi standard di sicurezza.” Sottolinea un comunicato dell’azienda.
Karsten Muehlenfeld ha dichiarato: “Per noi del team di ingegneri Ryanair, il lockdown a causa dell’emergenza COVID-19 ha generato numerose sfide. Abbiamo riflettuto molto su come mantenere la sicurezza dei nostri aeromobili ai più elevati standard – e questo include ispezioni visive ogni due giorni e voli di prova sugli aeromobili ogni due settimane per assicurarci che tutti i sistemi funzionassero secondo i più alti standard. I nostri aeromobili sono dotati di filtri HEPA, in grado di rimuovere il 99% dei microbi presenti nell’aria dalla cabina, comprese le goccioline SARs-CoV-2. Le nostre cabine vengono inoltre pulite quotidianamente, con un fluido che assicura che batteri e virus non possano sopravvivere su alcuna superficie. Il disinfettante utilizzato è efficace per più di 24 ore. Con il ritorno alle operazioni, siamo felici di far volare i passeggeri Ryanair in tutta Europa a bordo dei nostri aeromobili all’avanguardia, che operano secondo i più alti standard di salute e sicurezza.”

 

 

 

Redattore: Carlo Dedoni

Fonte della notizia: Ufficio Stampa Ryanair
Foto di copertina di Carlo Dedoni